HOME > Rassegna Stampa > Il Papa: «No a ogni discriminazione»

Il Papa: «No a ogni discriminazione»

- Avvenire - 01/09/14

“Discriminare può essere sinonimo di disprezzare: la discriminazione è un disprezzo, e voi con questa partita di oggi, direte ‘no’ a ogni discriminazione”.
Papa Francesco ha sintetizzato così il messaggio della “partita interreligiosa’ che si gioca lunedì sera dalle 20.45 all’Olimpico in risposta a una sua richiesta. “Le religioni – ha ricordato ricevendo in Vaticano atleti e organizzatori – sono chiamate a farsi veicolo di pace e mai di odio, perchè in nome di Dio bisogna portare sempre e solo l’amore”.

“Possa l’incontro calcistico di questa sera – ha auspicato Francesco – ravvivare in quanti vi prenderanno parte la consapevolezza della necessità di impegnarsi perché lo sport contribuisca a recare un valido e fecondo apporto alla pacifica coesistenza di tutti i popoli, escludendo ogni discriminazione di razza, di lingua, e di religione”.

“Religione e sport, intesi in questo modo autentico, possono collaborare e offrire a tutta la società – ha assicurato Bergoglio – dei segni eloquenti di quella nuova era in cui i popoli ‘non alzeranno più la spada l’uno contro l’altro”.

“In questa occasione così singolare e significativa, qual è la gara calcistica di questa sera, desidero consegnare a voi tutti – ha poi concluso – questo messaggio: allargate i vostri cuori da fratelli a fratelli! Questo è uno dei segreti della vita: allargare i cuori da fratelli a fratelli; e anche la dimensione più profonda e autentica dello sport”.

L’incontro vedrà in campo campioni di livello mondiale in rappresentanza di diverse religioni. Il ricavato sarà destinato a finalità caritative. Il Papa ha riservato un caloroso abbraccio a Diego Maradona, che gli ha donato una maglietta dell’Argentina col numero dieci e la scritta ‘Francesco’ e gli ha parlato a lungo all’orecchio. Subito dopo, emozionatissimo, ha commentato: “Papa Francesco è il vero fuoriclasse”.

papa600.jpg
Molti gli atleti di primo piano presenti all’incontro (in tutto 400 persone): tra gli altri, Maldini, Del Piero, Roby Baggio, Buffon, Pirlo, Etòo… L’iniziativa è stata promossa dalla Fondazione Pupi di Javier Zanetti, vicepresidente dell’Inter, e dalla pontificia Scholas Occurrentes, un ente educativo di bene pubblico voluto da Papa Francesco per favorire l’integrazione attraverso sport, educazione e tecnologia. I proventi (oltre all’incasso dello Stadio anche gli sms solidali al numero 45593) serviranno a finanziare un progetto in Argentina chiamato “Una alternativa du vita”, a favore di migliaia di minori di strada e la rete di 300mila istituti di Scholas Occurrentes.

Per quanto riguarda la partita, è compito del nuovo commissario tecnico dell’Argentina, Tata Martino, e dell’allenatore dell’Arsenal Arsene Wenger, formare due squadre scegliendo tra una orsa di 50 star di ieri e di oggi. La partita è in diretta su Rai1 e Radio1 dalle 20.35.