Quello che abbiamo di più caro

Dagli scritti di Nicolino Pompei

Archivio

L’Amore senza misura

Dall’approfondimento “Caritas Christi Urget nos”

Nella presenza di quell’Uomo di nome Gesù si rivela e si compie l’Amore di Dio per l’uomo che è già certamente presente e rivelato nella figura del popolo di Israele, nella figura degli uomini prescelti a guidare e a richiamare il popolo eletto. Amore documentato, in tutto l’Antico Testamento, con parole immense e struggenti, che spesso fanno uso delle analogie (...)

Vieni e vedi, vieni a vedere!

da Nel Frammento anno IX numero 4/2011
Dall’approfondimento "Mostraci il Padre e ci basta... chi ha visto Me ha visto il Padre"

Mentre tutti sono lì a bocca aperta, con gli occhi spalancati, in un ascolto attentissimo, in un silenzio che faceva ancor di più emergere la forza del suo grido, improvvisamente Giovanni si azzittisce. E il suo sguardo, normalmente rivolto a ciascuno dei presenti, lo ritroviamo a fissare intensamente la figura di un uomo - un uomo giovane, un trentenne - (...)

Riemerge il cuore nel suo battito originale

Dall'approfondimento "La bocca non sa dire, né la parola esprimere: solo chi lo prova può credere cosa sia amare Gesù"

È sempre necessario approfondire il giudizio della piena corrispondenza ritrovata nel momento dell’incontro con Gesù e continuamente sperimentata nel rapporto con Lui. Riprendiamo questo brano della relazione di Nicolino al nostro XVII Convegno, perché ci conduca a verificare in noi l’esperienza di quella Presenza che investe e colpisce il cuore, facendolo emergere nel suo battito originale e nella sua attesa (...)

Signore, da chi andremo?

Dall'approfondimento "Mostraci il Padre e ci basta... chi ha visto Me ha visto il Padre"

Ci troviamo sull’altra riva del mare di Galilea, detto anche di Tiberiade. Ci viene riferito dal Vangelo che lo seguiva molta folla, anche per i molti segni che egli operava soprattutto sugli infermi. Ad un certo punto Gesù, fermandosi e alzando lo sguardo, si accorge di questa moltitudine di persone che lo segue e che gli va incontro. “Ed ebbe (...)

Beati i poveri di spirito

Dall’approfondimento “Quello che poteva essere per me un guadagno, l'ho considerato una perdita a motivo di Cristo..."

C’è un atteggiamento adeguato alla natura stessa dell’umano e del cuore che permette di sorprendere e sentire sempre - in tutta la sua chiarezza e vastità e sempre al fondo di noi stessi – l’assoluta esigenza che siamo, l’assoluto bisogno che siamo… Ed è l’unico atteggiamento adeguato – razionalmente adeguato – non solo per sentire e far emergere tutto il (...)

Resta in contatto

Iscriviti alla Newsletter